lame bear

 

 

LE LAME DA CACCIA DELLA BEAR ARCHERY (Bear Razorheads)

 

 

 

Se si potesse misurare il successo sul mercato delle lame da caccia potreste scommettere i vostri soldi sulle Bear Razorheads al primo posto e sulle Zwickey al secondo. Fred Bear, arciere inventore e ideatore, nel 1930 costruiva le sue personali lame da una lamiera di acciaio nel vecchio stile tradizionale, con la foggia tramandata dal selvaggio West.
Questo sistema era lentissimo e non garantiva un buon allineamento con l’asse della freccia e sicuramente non poteva essere un prodotto da promuovere commercialmente. Intuito
 ciò di cui il mercato aveva bisogno provò a modificare una lama Zwickey creandovi una fessura per inserirvi delle lamette aggiuntive rimovibili nel tentativo di migliorarne la funzionalità.
Queste lamette erano molto più grandi di quelle che oggi siamo abituati a vedere sulle lame
da caccia odierne ma quest’idea incoraggiò il proseguire della sperimentazione.
La  Bear Archery iniziò  la progettazione di una nuova lama da incollare sull’asta con un disegno evoluto che potesse portare ad un prodotto valido per la caccia e per la distribuzione e produzione industriale.
                  
Nel 1955 vennero realizzati n°300 prototipi di queste nuove lame Razorhead poi inviate ai vari club di bowhunters con la richiesta di provarle.
Se il referto fosse stato positivo si prevedeva di iniziare la produzione industriale entro l’anno successivo.
Questa nuova lama divenne nota come
Pinned Bear a causa di una punzonatura di fissaggio alla fine dell’inserto centrale.
Dei 300 prototipi realizzati solo pochissimi sopravvivono nelle odierne collezioni.
Supponiamo che gli amici di Fred Bear presero alla lettera la sua richiesta di testare queste lame e per tale ragione molte saranno andate perdute
in the field.
Le foto indicano i diversi stili di Bear Razorheads nel corso degli anni.
Da sinistra il prototipo
Pinned Ferrule del 1955, la Bubble-Head del 1956,
quella del 1959, del 1960 e del 1964.
 
Da notare la differenza con cui termina l’inserto centrale e il diverso disegno di ventilazione attraverso gli anni. 
La lama ausiliaria sulla prima
Pinned Bear dava l'idea di una testa di orso, completa delle orecchie come si vede nella foto a sx.
La lama ausiliaria nella prima produzione di
Razorhead nel 1956 aveva un piccolo foro (pin hole).
Queste lamette cambiarono foggia molto presto, come nell’ultima foto a dx. I collezionisti avidamente cercano questi primi tipi di lamette ausiliarie.
Nel 1956, la Bear Archery introdusse ufficialmente le lame
Razorhead nel catalogo.
Oggi queste lame sono note ai collezionisti come
Bubbole Head a causa della punta arrotondata dell’inserto centrale e furono un successo.
Buona qualità di acciaio, facile da affilare sul campo, buon allineamento sull’asta della freccia.
La
Bear Razorhead aveva iniziato il suo cammino per diventare la lama da caccia più venduta di tutti i tempi.
Fred Bear riscontrò un piccolo problema su questo disegno originale, il b
ubble con cui terminava l’inserto centrale poteva causare una minore penetrazione,
così nel 1959 lo modificò con un appiattimento.
Il disegno molto ventilato delle lame prodotte nel 1959 rimase come nel modello originale del 1956.
Nel 1960 si sviluppò un nuovo disegno con le asole ventilate più piccole e la punta dell’inserto centrale appiattita.
Infine, nel 1964, vennero nuovamente modificate le asole ventilate con un taglio di forma parabolica e queste lame rimasero in catalogo fino al 1977.
 
Nel 1978 vennero sostituite dalle nuove Bear Super Razorhead di colore verde
con la punta a scalpello per una migliore penetrazione in presenza di ossa.
L’era delle prime e vecchie lame di colore cachi finì.
La più rara tra le lame da caccia Bear è la Bear Giant.
Realizzata nel 1959 come lama sperimentale, Fred Bear la utilizzò durante
la sua caccia in Alaska, proprio quell’anno. Tuttavia la sua misura di 1,5”
non consentiva un volo pulito della freccia e non andò mai in produzione.
Oggi solo 2 esemplari sono presenti in collezioni private.
Nel 1981 la Bear Archery produce la versione in acciaio inossidabile della Razorhead ma è sicuramente
la vecchia versione che rimane popolare nei ricordi dei bowhunters e la più ricercata dai collezionisti.